27.3.12

Ricominciare.

Ricominciare a contare le calorie, a mangiare il meno possibile, a fare eserizio fisico estenuante. Tutto ciò mi fa sentire viva, di nuovo.

12 commenti:

  1. Forza...Senza strafare e credendo in te stessa...;-)

    RispondiElimina
  2. Sono contenta che tu sia tornata a scrivere, sai, sei la prima persona che ho iniziato a seguire, mi sei mancata :)

    RispondiElimina
  3. buon inizio anche a te!! :-)

    RispondiElimina
  4. Valerie propone: vuoi far parte di un Gruppo? passa da me! Bisè

    RispondiElimina
  5. Capisco cosa intendi. Comprendo quello che scrivi. E questo è una marcia in più, grazie.

    Scrivi più spesso, è bello leggerti.

    Saya

    RispondiElimina
  6. In reltà sono un cadavere. Non c'è altra spiegazione.
    Solo un corpo morto può avere un così costante, frenetico bisogno di conferme per credersi vivo.
    Prima i tagli sulle braccia. Poi digiunare, correre, sentire il suore che scoppia. Poi l'alcool, poi la droga. Poi guardare le cicatrici dei tagli sui polsi. Adesso mangiaremangiaremangiaremangiaremangiaremangiaremangiaremangiaremangiare, fino a crepare, fino a odiarsi, ogni briciola diventa come un mattone con cui costruisco una fortezza di metallo, che gli altri stiano fuori, che il mondo svanisca, NON guardatemi.. Anzi, guardatemi, amatemi, idolatratemi.
    Ma che strazio, che panico di vita...
    Tu sì che sei forte..
    S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Lucy, ti assicuro che non sono affatto forte, anzi. In tutto quello che hai scritto mi sono rivista. I tagli, il digiuno, il voler essere accettata da gli altri ma soprattutto da se stesse. È difficile ma cerchiamo di essere forti. Tutto qui.
      Grazie del commento, spero di risentirti presto!

      Elimina
  7. ci sono anche io con te... purtroppo... 13esimo giorno di digiuno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come fai?..
      Insegnami il tuo segreto..

      Elimina
  8. Bentornata nel incubo amore..
    ti stringo

    RispondiElimina
  9. è un incubo dal quale non riusciamo a svegliarci o dal quale non vogliamo svegliarci?è terribile in ogni caso è un incubo perpetuo ci consumerà fino a che sarà troppo tardi e poi il nulla questa è la vita che abbiamo scelto ma è davvero questo che ci meritiamo? Ti sono vicino
    R.

    RispondiElimina
  10. Oh Michela, come vorrei ottenere di nuovo la tua forza di volontà.. ormai il cibo mi controlla.. sangue, lacrime, cibo, vomito, fumo, alcol.. non so più che fare.
    Abbi fiducia in te stessa, raggiungerai i tuoi traguardi, ne sono sicura.

    *sogna i suoi 38 kg*

    Un abbraccio

    RispondiElimina